La prima lettera dell'esploratore Giuseppe Tucci ad Andreotti

Giuseppe TucciQuesta è la prima lettera che Tucci, il più grande esploratore italiano, scrisse ad Andreotti, che al tempo era Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio (1947-1948). Era il 24 settembre 1947.

La lettera è la prima del carteggio che gentilmente il senatore mi ha inviato qualche tempo fa.

Tucci si era già rivolto a Giustino Valmarana, amico di Andreotti e come lui membro dell’Assemblea Costituente, perché trasmettesse al ministro delle Comunicazioni la soprastampa di un certo numero di francobolli dello Stato, in corso, con la dicitura «Spedizione Italiana in Tibet – 1948». I proventi sarebbero andati a finanziare la spedizione.

Voleva partire infatti per la sua ottava e ultima esplorazione del Tibet e aveva urgente bisogno di fondi, ma la sua richiesta a Valmarana era rimasta senza seguito e allora si decise a rivolgersi personalmente al presidente del Consiglio.

Infatti, Tucci ottenne i fondi e nel 1948 visitò la parte centrale del paese, raggiungendo Lhasa e spingendosi oltre. Della spedizione fecero parte Regolo Moise, Piero Mele e Fosco Maraini: ma Tucci non fece cenno a quest’ultimo. Forse fu arruolato più tardi.



Commenti

  1. Ma, a parte la fortuna che la spedizione ci fu, mi chiedevo se "l'esca" della lettera era vera. Fermo restando che la definzione di "nazione" e di "prestigio" è chiaramente misteriosa, mi chiedevo se in quel tempo lontano, animato da valori oggi incomprensibili, era vero che la nazione avrebbe accresciuto il suo prestigio con questo o altri lavori scientifici.

    Scritto da Bubbo Bubboni, 9 anni, 1 mese fa


  2. certamente! le spedizioni erano eventi nazionali, come le compiva lui, e in più c’erano dittature ovunque o il controllo dell’Impero britannico: c’era bisogno di accordi internaizonali a livello scientifico, economico e così via.

    Anche ora, avere un campo archeologico aperto in una nazione, per esempio, implica delle relazioni diplomatiche se non ufficiali, almeno ufficiose, e accordi economici (perché le nazioni danno i permessi di scavo se conviene anche a loro, ovviamente).

    Scritto da Boh/orientalia4all, 9 anni, 1 mese fa


  3. [...] Giuseppe Tuccì in Nepal, sempre a caccia di manoscritti e testimonianze antiche, si interessò anche profondamente alle cosiddette “sculture erotiche”, le sculture e i bassorilievi tantrici. [...]

    Scritto da Le sculture erotiche del Nepal » Giuseppe Tucci, 6 anni, 1 mese fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.