Storico accordo fra India e USA sul nucleare

Bush Mentre noi stiamo qui belli belli a giocare con libri e computer è passata, anche se per pochissimi voti, la fiducia al governo di Manmohan Singh.

E’ scongiurato così il pericolo delle elezioni anticipate e passa l’intesa India-Usa sul nucleare civile. Il voto di fiducia era stato chiesto dall’opposizione di sinistra, e in particolare dal partito comunista, che si era espresso contro. Come si vede nella foto è Bush che si è spostato per firmare l’accordo e non il presidente indiano, e questo in termini diplomatici indica che Bush ne ha riconosciuto l’importanza strategica anche per gli USA.

Il problema della grande crescita economica dell’India è proprio la carenza di risorse energetiche ma ora può importare la tecnologia occidentale per i suoi reattori. Washington ha fatto concessioni notevoli all’India, che dovrà solo sottoporre i suoi impianti civili alle ispezioni dell’agenzia internazionale per l’energia atomica, ma conserverà il segreto sul programma nucleare militare.

In cambio l’America spera di ottenere degli accordi particolari in materia economica e politica con l’India per contrastare la potenza che sembra far paura a tutti, Oriente e Occidente: la Cina.

Così sullo scacchiere politico internazionale c’è un gigante, la Cina, con la quale tutti stanno cominciando a fare i conti, gli Stati Uniti che sanno di perdere il primato economico e l’India che, in pratica, sta diventando uno stato allineato.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.