Un Guru un po' speciale

guru's collection

…arredi per la casa, e poi aerei, elicotteri, barche, auto di lusso e viaggi in luoghi esotici. [...] Cambi e famiglia, secondo la Guardia di finanza di Bologna, erano arrivati a spendere due milioni per orologi di marca, 15 per serate di gala in discoteca o in locali alla moda, altri due per noleggiare Ferrari, Bentley o Porsche. In tutto 32 milioni, a cui ne vanno aggiunti altri 22 come compensi per consulenze che Cambi si faceva pagare dalla sua stessa azienda.

Così il Corriere della Sera sull’arresto di Matteo Cambi, il guru di Guru, che piace alla gente che piace. E continua oggi:

Matteo si compra un appartamento di 600 metri quadrati a Palazzo Carmi, un edificio del ’700 nel cuore di Parma, e ci mette dentro una beauty farm adornata di opere in bronzo raffiguranti il Buddha, decine di luci Swarovski che riproducono la costellazione dei Pesci, il suo segno zodiacale, un toro d’acciaio da un paio di quintali scolpito da Arturo Di Modica, l’autore del toro di bronzo da quattro tonnellate che sta davanti all’ingresso di Wall Street.

Questo simpatico re del kitsch, che avrà preso sì e no il diploma, ha fatto le cose un po’ troppo in grande. Dicono che il suo stile di vita abbia rotto le scatole a qualcuno, che si è detto “io ho studiato e ho lavorato tutta le vita onestamente e non ho una lira in tasca, lui nella sua ignoranza in pochi anni vive da nababbo: c’è qualcosa che non va” e ha chiamato la Guardia di Finanza.

Secondo me, questo è uno dei pochi casi in cui l’invidia non è una brutta cosa.

Quello mi stupisce sono io. Forse sono assolutamente out of fashion perché questa è la collezione Guru con la famosa margherita stampata su tutto. Ho visto una maglietta come quella in foto al mercato di viale Papiniano qui a Milano e non l’ho neanche comprata. Detto fra noi, mi sembrava la pubblicità dell’omonima carta igienica con la margherita.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.