Domani la fiaccola olimpica sarà a Lhasa

fiaccola olimpicaDomani sera la fiaccola olimpica raggiungerà Lhasa.

Domani 50 persone che hanno aderito alla Marcia del ritorno in Tibet raggiungeranno Dharchula, l’ultima città indiana al confine con il Tibet.

L’India il 4 giugno ha arrestato 265 persone che prendevano parte alla marcia. Il governo cinese ha dato l’ordine di sparare a chiunque venga dal Tibet verso il confine indiano per unirsi ai partecipanti.

Mentre il Dalai Lama chiede che i tibetani non disturbino il passaggio della fiaccola nella capitale, anche se solo per un giorno, per rispettare il miliardo di cinesi che sono molto orgogliosi di questo, i tibetani chiedono che la Cina si apra ai giornalisti stranieri, come aveva promesso, perché credono che questo sia l’unico mezzo per proteggere la loro vita.

Mi chiedo, credono davvero che, informati della situazione dai bravi giornalisti indipendenti, i governi occidentali si impietosiscano dei poveri tibetani quando ci sono in gioco interessi economici enormi e quando la Cina è membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite?

Anche se tutto il mondo vedesse con i propri occhi le violazioni perpetuate ai danni dei tibetani, questo cambierebbe qualcosa?

La strategia dei tibetani che sono insorti è far pagare alla Cina un prezzo così alto per i giochi olimpici, agli occhi del mondo, in modo che non si tengano. Secondo me, quasiasi prezzo per la Cina non sarà mai troppo alto per mostrare chi sarà il prossimo padrone dell’economia mondiale. Anche perché fino a ora il prezzo più alto l’hanno pagato i tibetani, non certo il governo cinese.

I giochi olimpici si faranno, nonostante i giornalisti (che comunque ancora non sono ammessi), saranno faraonici e tutto il mondo si inchinerà alla Cina, alla sua capacità organizzativa, al suo potere di controllo. I tibetani uccisi non saranno che casualties.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.