Lezioni di stile da Berlusconi

BerlusconiChe signore Berlusconi, affermare delle cose di Biagi che lui non può più smentire o controbattere!

Ripropongo il video con l’intervista e le parole del grande giornalista sul perché Berlusconi entrò in politica. Al tempo, Berlusconi poteva smentire Biagi. Strano: invece di rispondere allora (forse perché non poteva?) ha scelto di vendicarsi adesso infangando la memoria di Enzo Biagi quando lui non può più difendersi.

Ecco quello che ha detto Biagi a WideAngle:

Io considero Berlusconi un politico come dire… di accatto (?) perché è entrato in politica perché questo gli ha permesso di attraversare un momento di crisi personale, lo dico perché me lo ha detto lui, ha detto… che doveva entrare in politica perché lo facevano saltare per aria e che avrebbe avuto anche delle noie di tipo giudiziario.

Berlusconi si è confermato dello stesso, inimitabile stile di sempre: buono per la politica interna, ottimo per la politica estera. Mi ricordo quando scoppiò il caso dell’accusa di nazismo a un parlamentare tedesco, io ero a Helsinki, accesi il telegiornale nazionale coi sottotitoli in inglese ed era la notizia di apertura! Il giorno dopo non avevo il coraggio di guardare in faccia i miei colleghi e affrontare i loro sorrisetti.

Io non parlo neanche delle scelte di politica estera di Berlusconi, o di quelle economiche, o delle sue leggi ad hoc, o della riforma dell’università che l’ha sfasciata ancora di più e dei fondi per la ricerca decurtati: basta il suo stile per non fidarsi più di quest’uomo, perché ci declasseremmo ancora di più a livello internazionale.

Uno che si vendica per i suoi giochi politici su chi non c’è più, lo vogliamo?
Quando ero bambina sentivo sempre delle storie dei becchini di Napoli che toglievano i denti d’oro ai morti: Berlusconi è peggio, Berlusconi vuole togliere la dignità a un morto.

(sapendolo, sarei pronta ad attribuire il fotomontaggio sopra)



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.