Rifiuti e mortalità in Campania: il governo sapeva tutto

Che ne hanno fatto politici e amministratori del rappporto del CNR sullo smaltimento abusivo dei rifiuti in otto comuni della Campania presentato a Napoli il 12 aprile 2007, che nero su bianco riporta le cifre strabilianti dell’aumento della mortalità e delle malformazioni?

Lo smaltimento abusivo dei rifiuti rappresenta un fattore di rischio rilevante per la salute: +9-12% di mortalità, +84% di malformazioni [...] In particolare, negli otto comuni a maggiore esposizione allo smaltimento abusivo (Acerra, Bacoli, Caivano, Giugliano, Aversa, Castelvolturno, Marcianise e Villa Literno – categoria V) si rileva un’impennata dei tassi di mortalità generale del 12 per cento tra le donne e del 9 per cento tra gli uomini rispetto a centri delle medesime province in cui l’incidenza del fenomeno è minore. Lo stesso gruppo di otto comuni presenta inoltre un aumento del rischio di malformazioni congenite dell’apparato uro-genitale e del sistema nervoso che supera l’80 per cento.

Studi sono stati fatti anche in 196 comuni nell’area di Napoli e Caserta dallo stesso Dipartimento della Protezione Civile, come informano gli Annals of The New York Academy of Sciences, e giungono agli stessi risultati.
(Vorrei proprio sapere dove vivono Bassolino & C.)

Several recent studies have documented that a widespread practice of dumping toxic wastes has taken place for many years in the Provinces of Naples and Caserta. Extensive programs of environmental monitoring are currently ongoing in the area. In this frame, the Department of Civil Defence of the Italian Government has appointed an ad hoc study group in order to assess the health status of the population resident in the area of interest. The first investigation performed by the study group has been a geographic study on cancer mortality and occurrence of malformations in 196 municipalities constituting the two Provinces. The study detected an area located in the southeastern part of the Province of Caserta and in the northwestern part of the Province of Naples, where cancer mortality and congenital malformations show significantly increased rates with respect to expected figures derived from the regional population. The area highlighted by the study is, in general terms, overlapping with the area where most illegal dumping of toxic wastes took place. It is now recommended that mortality studies be extended to take into account other health outcomes, to search for correlations with environmental exposures, and consider possible confounding factors.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.