Appello urgente per il Bangladesh

Cyclone Bangladesh

Giovedì 15 novembre il terribile ciclone SIDR ha colpito il Bangladesh: per ora il bilancio è di 1.000.000 di famiglie colpite, 360.000 senzatetto, oltre 3.400 vittime accertate dalle stime ufficiali, anche se il numero reale delle vittime pare che oscilli fra le 10.000 e le 15.000 vittime. Purtroppo i numeri del ciclone SIDR (di categoria IV), che ha colpito i distretti di Khulna, Baribal, Barguna e Mongola (potete vedere SIDR nella mappa), sembrano destinati a crescere, mano a mano che i primi soccorsi riescono a raggiungere le zone colpite da quello che comincia a rivelarsi come uno dei cicloni più devastanti degli ultimi anni, quello del 1991 con 143.000 vittime e quello del 1971, con un bilancio di 500.000 morti.

Oltre alle persone direttamente colpite, il pericolo concreto del ciclone è il rischio delle epidemie che si possono sviluppare, date le condizioni di devastazione nell’area. SIDR ha colpito una delle nazioni più povere del mondo e l’altro pericolo realistico è che le famiglie degli sfollati non riescano più a sollevarsi dalla fame e dalla miseria.

Questa gente ha bisogno urgente di tutto, anche delle cose più basilari: di acqua potabile, di cibo, di un rifugio, di medicine, di coperte. Gli elicotteri della marina militare degli USA stanno portando i generi di prima necessità, Direct Relief International ha già portato circa 280.000 $ in beni di prima necessità: tutto il mondo sta facendo qualcosa, ma c’è bisogno dell’aiuto di tutti. Il governo del Bangladesh sta chiedendo ufficialmente l’aiuto di tutti.

Internet serve anche a questo, a coalizzarsi per aiutare chi è infinitamente più sfortunato di noi.

Mi è stato chiesto di far girare questo appello urgente di AGIRE, L’Agenzia Italiana di Risposta alle Emergenze, che faccio volentieri. E’ possibile aiutare le persone colpite dal ciclone SIDR in Bangladesh inviando un SMS al numero 48581 del valore di 1 euro – condiviso da TIM, VODAFONE e WIND – e di 2 euro da rete fissa Telecom Italia.

Potete anche fare un bonifico oppure inviare un vaglia postale o fare una donazione online. E’ ora di AGIRE. Per noi 1 Eu è niente, è il prezzo di un caffè, per loro è 1/25 circa del salario mensile di una famiglia “benestante” di 4 persone.

Nel nostro piccolo, aiutiamoli. Come diceva Madre Teresa di Calcutta, il nostro aiuto sarà solo una goccia nell’oceano, eppure senza il nostro aiuto l’oceano avrà una goccia in meno.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.