Chador, burqa e niqab o Coca-cola e blog?

NiqabIeri notte ho pensato al canadese messo in carcere in Iran per aver spiegato in farsi come aprire un blog.

Il video amatoriale di un Talebano che picchia la sua donna, che ho visto poco fa, intanto è stato rimosso.

Pensavo al canadese stanotte perché ai tavolini di Spizzico, quelli con la musica qui in Piazza Duomo, si è seduta una coppia di giovani musulmani. Lui vestiva all’occidentale e aveva i soliti baffi, camminava dritto come un fuso dietro di lei, con gli occhi fissi su di lei, controllandola come se fosse il padrone di un gregge di pecore. Lei indossava la palandrana lunga, nera, spessa — un burqa integrale, anzi, un chador o chadri – col niqab, un fazzoletto spesso sul viso, poggiato sopra la radice del naso, alla maniera delle donne dei talebani. C’era solo una fessura stretta stretta per gli occhi, che brillavano fugaci. Guardava di continuo il compagno e se lo tirava su.

Lui ha ordinato due Coca-cola. Senza darlo a vedere sono stata a sbirciare, volevo proprio capire come avrebbe fatto lei a bere la sua. Lui ha finito, tutto soddisfatto, forse con lo schiocco, leccandosi i baffi. Lei non riusciva a portare il bicchierone di carta alla bocca con quel coso davanti, anche se sarebbe bastata una cannuccia (troppo allusiva? troppo sexy?). Lui le ha fatto un cenno, senza una parola si sono alzati all’unisono e sono andati con la bibita dentro a Spizzico, incamminandosi per le scale. Ovviamente, che ho fatto? Li ho seguiti con le mie patatine, la mia bibita e la mia canottiera scollatissima, tanto il caldo afoso lo giustificava in abbondanza.
Con nonchalance mi sono seduta quasi difronte a loro.

Si sono seduti in un angolo, fra altri musulmani (il piano sopra è per loro e i sudamericani, il piano terra per i filippini e i rari occidentali, come me, che vanno lì per il fresco e per godere lo spettacolo di varia umanità), furtivamente lui ha tenuto alzato il niqab della donna, che si è rivelata una ragazza piuttosto bella, lei ha bevuto tutto d’un fiato mentre lui diceva qualcosa e sono andati via al volo.

Tecnicamente aprire un blog per una donna così non sarebbe proibito ma chi sa cosa succederebbe se lo aprisse? Ecco, penso che stanotte il vero clash culturale fra Oriente e Occidente sia stato chiaro: burqa e niqab / Coca-cola e blog. Due mondi troppo diversi. Non irriducibili, ma certo dalla difficile coesistenza.
(foto)



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.