TIM offerta Tutto Relax Internet e Telecom: Italia batte Nepal 5-0 - parte IV

Siamo nettamente superiori al Nepal: Aghost nel commento al post sulla TIM I (perchè ho scritto quel post e altri due, dove ho raccontato del guadagno secondario e dell’accredito del mal tolto) ci dice che, facendo delle prove con dei telefoni senza rispondere, si è attivata la segreteria TIM del telefono ricevente, che però era libero, e gli hanno addebitato 20 cent.

400 delle vecchie lirette, moltiplichiamo questi trucchetti per milioni di utenti e fanno miliardi rubati. Chi controlla l’esattezza degli addebiti?

1) Premesso che anni fa la cosa era successa diverse volte anche a me sul fisso della Telecom (così quando ascoltavo la mia segreteria, che si attivava automaticamente da sola dopo il primo squillo, pagavo lo scatto e il tempo).

2) Premesso che dallo stesso telefono mi hanno addebitato anche telefonate a Bari, a Ivrea e persino in Thailandia, tre posti dove non solo non ho mai telefonato in vita mia, ma sono mai andata e non conosco nessuno.

3) Premesso che mi hanno anche addebitato telefonate a numeri che avevo fatto in precedenza, ma in periodi quando in casa non c’era nessuno da giorni.

4) Premesso che, quando ho proposto loro di verificare come fanno in USA, telefonando ai numeri ai quali avrei telefonato io, stando alla loro bolletta, per chiedere se mi conoscevano, si sono scandalizzati con alte grida dicendo:

Ma come, ci propone di violare la privacy? Fingerò di non aver sentito perché questa è una denuncia penale!

Insomma, la Telecom ha fatto la virtù offesa – per la nota legge che chi più ha la coscienza sporca più fa il virtuoso.

5) Premesso che ho disdetto la suddetta segreteria telefonica per ben due volte via fax (come indicano loro) e due volte anche via raccomandata AR, e ciò nonostante mi hanno addebitato il servizio per ulteriori 8 mesi, senza neanche che funzionasse (perché, mi hanno spiegato, l’avevo disdetto!) — addebito illecito che ho preferito pagare perché far seguire la cosa da un avvocato costa infinitamente di più dei 15 o 20 Eu che ho regalato alla Telecom.

Fatte queste doverose premesse, scritto questo breve cahier de doléances, mi viene tanto da ridere perché anche in Nepal, se cerchi di telefonare o anche mandare un fax e o il ricevente è staccato oppure non c’è o ha cambiato numero, paghi uguale! E sapete perché? Perchè, mi hanno spiegato, il loro servizio comunque si è attivato a trillare o a provare di mettersi in collegamento col fax fantasma…:)

Qui in Italia siamo infinitamente più sofisticati, però. Viste li disavventure sia sul fisso che con la scheda per Internet e sul cellulare, TIM/Telecom batte a pieni punti il Nepal. A parte, ovviamente, quando sospende l’uso del cellulare e l’uso del telefono wireless e imbavaglia tutti i media “per ragioni di sicurezza”, cioè dopo il colpo di stato di re Gyanendra.

Cosa però che, in fondo, a loro in Nepal gli è andata pure bene: se eravamo qui in Italia saremmo stati tutti sotto controllo! Invece, niente telefono, niente controlli telefonici. Qui sono più molto furbi: le comunicazioni ce le lasciano, ci addebitano però illecitamente e, in più, ci controllano: Italia batte Nepal 5-0 in tema di violazione di diritti civili!



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.