Sulla scia di Gandhi: Web come Satyagraha o Gandhigiri

Questa idea di giovani geek indiani è molto carina. Il 2 ottobre è stato il compleanno di Gandhi o Gandhi jayanti (qui le principali celebrazioni Induiste, Sikh, Jainiste, Zoroastriane, Cristiane, ecc. in India).
Lage Raho Munna Bhai Il principale strumento di lotta politica di Gandhi fu il satyagraha, la “vera forza”, una lotta non violenta basata sulla disobbedienza civile. La vera forza è la forza della verità che si autoimpone, senza violenza, fino alle estreme conseguenze: insomma, quello che mi ha insegnato Nityanand Sharma quando caparbiamente, se sapeva di avere ragione e non avere la forza contrattuale per discutere, semplicemente non si smuoveva di un millimetro. Il risultato del satyagraha, diceva Gandhi, è la pace, cioè la soluzione duratura del conflitto.

Truth is God; Non-violence is Love in Action; and Peace, the result of enduring conflict resolution, is the Fruit of Satyagraha.

Lo stile di vita di Gandhi è chiamato con un termine che è di gran moda in India, Gandhigiri, coniato un mesetto fa dal film di Bollywood Lage Raho Munna Bhai, che concorrerà al 79° Academy Awards del 2007.

Un gruppo di studenti universitari ha avuto un’idea: perché non formare un Gandhigiri, cioè un gruppo e una piattaforma Internet per dare una voce ampia a proteste e cause di lotta giuste? Così hanno fondato Gandhigiri.org, una NGO che si propone non solo di dar voce e unire le tante voci su temi concreti, ma anche di creare una risposta ampia:

Mission Gandhigiri provides a platform to share your mission say you want to protest for an issue or cause. So here one can list the the full details of the said campaign and share their ideas with others. Not just idea one can even gather support for it and also seek user response for it. In this way a general hype can be created which is very necessary for any successful campaign.

Il sistema è ancora in Beta, cooperate per migliorarlo.

I temi fino ad ora sono indiani, ma non sarebbe male formare un Gandhigiri italiano. Riprendo dalla loro pagina:

In India:
Campaign name: Water Supply problem
Campaign detail: In Lutuma we have no water supply since past 5 decades. I request all the residents of the locality shoud come out and protest against “No Water Supply” & “No Road”.

In Italia:
Campaign name: Parlamento pulito
Campaign detail: Nel Parlamento italiano non deve più sedere chi è stato condannato in via definitiva e, mi consenta, chi è inquisito dovrebbe essere sospeso fino a che è stata emessa la sentenza di giudizio.

Che ne dite? Mi chiedo, però, quanti parlamentari rimarrebbero?



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.