Wikipedia e Banglapedia, le donne e Taslima Nasrin

Enrica e Taslima, JSAWS Ieri, lavorando su di un libro che sto finendo — Inshallah! — che ha connessioni col Rinascimento bengalese e il Bangladesh — il paese ad est dell’India che si affaccia sul Golfo del Bengal, ho trovato Banglapedia, un’enciclopedia sulle orme di Wikipedia tutta e solo di argomenti del Bangladesh e di quella parte di mondo ad est dell’India che si affaccia sul golfo.

E’ presentata in ordine alfabetico — Banglapedia: Entry Title Index — ma non funziona. Se invece uno mette il soggetto o il lemma ecc. nella casella, come Google, allora funziona. Il Comitato scientifico, presieduto da Sirajul Islam (nome azzeccatissimo!) è ridicolmente formato da decine di pezzi grossi del Governo e dell’università, ma solo maschi; solo in quello dei corrispondenti esteri c’è una donna o due. A onor del vero, i nomi di chi ha contribuito sono tutti riportati, dal Governatore della Banca del Bangladesh e i rettori d università vari all’ultima segretaria: che, guarda un po’, è l’unica donna! Ah no scusate, forse l’unica è un’assistente di ricerca, non sono sicura che la segretaria sia donna…

L’apparato cartografico e fotografico dell’enciclopedia è molto bello. Da visitare. Ogni entry ha decine di link anche a foto, cartine, disegni, ecc. Per esempio, ecco una delle foto dell’ultima alluvione oppure la mappa delle aree colpite dall’alluvione nel 1988 e nel 1998, o il grafico dell’intensità dell’alluvione dal 1954 al 1999.

Ma guardate un po’? Cerco la Dott.ssa Taslima Nasrin, la scrittrice Premio Sakharov per la Libertà di pensiero 1994, che ho intervistato a Harvard nel 1996 e di cui ho pubblicato una conferenza e poesie inedite nel Journal of Scouth Asia Women Studies Vol. 3, No. 1 (May 20, 1997). Ma non c’è! Eppure è nata a Mymensingh, nel Pakistan orientale, la parte di paese che dal 1971 è diventato Bangladesh.

Sappiamo che il Bangladesh (da qui “bangla”, la lingua ufficiale del paese) è musulmano, anzi, è l’unico paese ufficialmente musulmano dell’Asia. Infatti molti dei libri di Taslima — molto espliciti sessualmente — sono banditi sia lì che in India, e su di lei pendono diversi fatwa, i verdetti giudiziari su base religiosa: i fondamentalisti del Bangladesh l’hanno condannata alla pena di morte e lei qualche anno fa è fuggita e viaggia di paese in paese, specie in Europa. L’ultima sua residenza era in Germania.

Io ho letto un paio di suoi libri e molte sue poesi, purtroppo in inglese, e ho trascorso con lei un paio di giorni. L’ho trovata capricciosa e primadonna e, soprattutto, i suoi primi libri (e anche il titolo di altri) mi sembravano pericolosamente simili a quelli del bravissimo Salmon Rushdie. Un sospetto è nato nella mia mente maliziosa — come in quello di altre menti più colte di me nella lingua e la cultura del Bangladesh, che hanno letto quasi tutte le sue opere in originale: non è che la dottoressa (era medico e ha esercitato la professione in ospedale per otto anni) ha pianificato di diventare famosa all’estero scandalizzando i suoi connazionali e, in più, rifacendosi pesantemente a Rushdie (una volta si diceva scopiazzare, ora di dice trarre ispirazione..)?

In ogni caso, è ovvio che la pena di morte è assolutamente da combattere, sia quella degli islamici fondamentalisti che di alcuni stati americani. E che la libertà di parola è intoccabile.

NB: Nella foto sopra, scattata da Ludovico Magnocavallo nell’inverno 1995-1996, ci siamo io e Taslima Nasrin sulle scale del Radcliffe College, il college di Harvard che fino a poco tempo fa era tutto femminile. Stupendo, una vera oasi e un tripudio di fiori e angoli romantici nel verde. Si studiano specialmente legge femminile, Gender studies, medicina per le donne, economie femminili (per esempio, quelle sommerse), ecc.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.