Cina e Internet

Ma chi ha detto che in Cina non usano Internet? A parte le tanto sbandierate sparizioni di blogger, una bazzeccola (di estrema importanza) nell’oceano degli abusi dei Diritti Umani che si perpetuano in Cina, vi sono dei siti governativi davvero ben fatti. Della serie: libertà no, ma se vogliamo facciamo le cose per bene.
E’ il sito digitale della National Library of China, quella che sta a Beijing.

La cosa speciale, rispetto alle biblioteche occidentali, è che ha i testi completi in PDF, anche se richiede i Simplified Chinese Language Packages per leggerli. I testi più vecchi, dall’800 per intenderci, sono microfilm ma si possono sempre leggere in PDF.

Ha anche una <a href=”http://210.82.118.4:8080/F/ATQR46H3PH4H3J5GNGJKL1MC3CICET8QSGU7F4U84PREX67A11-24633?func=find-m-results&set_number=165150″>Italian Collection, cioè 148 libri di italiani o di soggetti italiani o con la parola chiave Italia o italiano/i. Certo, non sono i 2214 libri della Buddhist Collection ma ci accontentiamo.
Ah, ovviamente i libri che parlano di comunismo sono 4802 e, miracolo, i libri sulla libertà sono 3494.
Provate però a inserire la parola chiave Zhuan falun, il libro guida principale del Falun Gong: non c’è niente. Della serie, non esiste.

Le info bibliografiche sono in alfabeto romano e in ideogrammi — mentre nelle collezioni occidentali sono in ideogrammi e basta, alla faccia di chi non sa una parola di una qualche lingua cinese.

E’ veramente user friendly e se mettete nel motore di ricerca la parola che cercate in inglese, ve la traduce in ideogrammi cinesi e da lì, col copia e incolla, la potete cercare nel sito anche senza conoscere una parola di cinese.

Indice: Collections ; D-Portal; Services for User; User’s Guide;
Services for Library; Publications; Navigation; About Us.

NB: Ha 18.700 link.
Infatti, è linkato alle maggiori biblioteche di tutta l’Asia!

Insomma, grande popolo, grandi culture, grandi spazi: peccato che ci sia il Regime.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.